"I muri raccontano...": nuovo logo e tante novità in arrivo per il progetto promosso dal Comune di Fontanile

Published on 19 March 2021 • Turismo

C'è un paese adagiato sopra un letto di acque sorgive dove i calici risplendono delle venature rosso rubino delle migliori Barbera ed i muri... hanno iniziato a "raccontare".

Un incantesimo creato dalla destrezza di un mago della pittura, Luigi Amerio, che accompagnato dall'entusiasmo del sindaco Sandra Balbo sta rendendo il borgo di Fontanile un museo a cielo aperto grazie ai murales di "I muri raccontano...", il progetto che attraverso l'arte pittorica sui muri e le facciate delle case del paese rappresenta il passato di Fontanile dal medioevo ai giorni nostri.

L'ambiziosa iniziativa, lanciata formalmente nel 2017, ha conquistato fin da subito le attenzioni di cittadini, turisti e operatori dell'informazione grazie alla maestosa opera di camouflage del muro di cinta di Piazza Trento Trieste (55,97 metri di lunghezza per 5 metri di altezza).

Da allora il pennello magico di Amerio non si è più fermato e ora sul territorio di Fontanile sono presenti 20 opere, tutte consultabili sul sito del Comune di Fontanile e su portale Astigov (vedi Itinerario - I muri raccontano).

La primavera porta intanto con sé importanti novità per il progetto promosso dall'amministrazione fontanilese.

Si parte dal logo ufficiale:

Il maestro Amerio è inoltre già al lavoro nell'abbellimento del muro perimetrale della Cantina Sociale di Fontanile.

Il soggetto rappresenta una scena di vendemmia degli anni 50.

A breve sarà anche resa pubblica la cartina dei murales con annessa guida informativa (in formato cartaceo).

Il progetto coinvolgerà anche le cantine vinicole del territorio che "adotteranno", ognuna, un murales da riprodurre sull'etichetta di uno dei vini prodotti.

Saranno commercializzati anche degli speciali biscotti ispirati ai lavori di Amerio; nel frattempo, la ditta Pinin Pero di Nizza Monferrato ha già stampato sulle sue celebri bustine di zucchero da collezione i primi 10 murales fotografati da Beppe Chiodi.

È importante ricordare che chiunque può adottare un muro dipinto (o parte di esso), contribuendo a destinare la cifra desiderata, per ampliare l'abbellimento del paese, il primo dipinto del Monferrato.

IBAN dedicato al progetto: IT80R0608510316000000020257

Dopo l'accredito si riceverà un attestato di ringraziamento dal Comune di Fontanile. 

Il vostro nome sarà segnato sul libro del ricorso e dei benefattori del progetto, che verrà custodito negli archivi del Comune a futura memoria.